Anna Billò (Sky): “Affrontare la Juve prima della semifinale di Champions può essere un grande vantaggio…”

di Valentina Cristiani –

anna billò

E chi l’ha detto che non esiste la favola? La proposta di matrimonio era arrivata nel marzo 2013, quando, durante i sorteggi dei quarti di Champions League, in diretta tv, Leonardo aveva sorpreso tutti rivolgendosi direttamente alla sua imbarazzatissima quanto emozionata fidanzata: “Vuoi sposarmi?”. Quindi se ancora non ci credete, chiedetelo a lei. Curiosa, perfezionista, timida. L’eleganza della sobrietà o la bellezza della semplicità, come preferite. Questa è lei, Anna Billò, giornalista e conduttrice di Sky Sport. “Mi ripeto… sono timida faccio fatica a parlare di questo, diciamo che solo Leo poteva farmi uno scherzo così!” – confida a “Il Pubblicista”. Dalla Brianza a Roma, dove si è laureata in Sociologia con una tesi sul giornalismo sportivo. Nel 2004 Anna approda a Sky, dopo aver lavorato a Radio Radio e al Corriere dello Sport. “Tra i tanti momenti belli che questa professione mi ha permesso di vivere, la finale di Champions League del 2010 a Madrid tra Bayern e Inter resta speciale…”

Anna, continua l’astinenza per la Samp alla quinta partita senza successi. Sabato sarà di scena la Juve al Ferraris (tra l’altro senza tifosi ospiti).  Come affrontarla per portare a casa il massimo risultato?

“La mancanza dei tifosi è sempre una sconfitta. Ma visto quanto accaduto al derby era inevitabile una presa di posizione. Credo che con la Juventus sia sempre difficile, ma al tempo stesso per ripartire non c’è sfida migliore!”

Quale delle prossime gare ti spaventa di più?

“Affrontare la Juventus prima della semifinale d’andata di Champions può essere un grande vantaggio per la Samp, mentre trovo sia un’ avversaria ostica anche se affrontata in casa la Lazio di Pioli, e di sicuro Mihajlovic non sottovaluterà la trasferta di Empoli”.

anna billòEuropa League alla portata?

“Credo l’Europa sia raggiungibile…”

Chi sono gli intoccabili in chiave Samp?

“Il vero intoccabile è Mihajlovic… Tra i giocatori Romagnoli, Palombo e Eder (ora infortunato, ndr)”.

Senza dimenticare Ferrero insignito del premio “Football Leader – Dirigente dell’anno” per aver conquistato il mondo del calcio con la sua personalità e per le scelte sportive che hanno reso la Sampdoria una delle rivelazioni della serie A 2014-2015.

“Ferrero è riuscito a portare “leggerezza”! Il calcio è fatto di passioni, follie, sfottò e in questo Ferrero sembra uno specialista. E’ riuscito a sdrammatizzare un argomento che in Italia è preso fin troppo sul serio, come il pallone”.

Il tuo giudizio?

“Per gestire una società ed avere buoni risultati sportivi ci vogliono tante componenti, e in questo non so dire a che punto sia Ferrero, solo il tempo dirà”.

anna billòDomanda secca, Cassano e Balotelli in blucerchiato “si” o “no”?

“Credo si debbano fare due discorsi distinti. Per Cassano si tratterebbe di un ritorno, della possibilità di riprendere una storia d’amore lasciata in sospeso. Per Balotelli invece potrebbe essere Marassi il punto dal quale ripartire, Genova è la piazza ideale per trovare equilibrio. Detto questo, solo immaginarli insieme fa già sognare”.

In conclusione, cosa modificheresti del calcio attuale?

“Modificherei gli stadi, in alcuni casi i peggiori d’Europa. Il nostro  campionato sembra decadente, perché le immagini che trasmettiamo all’estero sono di strutture vecchie e vuote durante le partite”.

 

6822 Visite totali 3 Visite di oggi
© Riproduzione riservata