Chievo-Sampdoria 0-0, i blucerchiati non rovinano il Pellissier-Day

Il lunch match tra Chievo e Sampdoria finisce a reti inviolate. Uno 0-0 che non accontenta nessuno ma neanche scontenta. I clivensi salutano il loro capitano, Sergio Pellissier, all’ultima nel suo stadio mentre i blucerchiati raggiungono la tanto ambita quota 50 punti in classifica.

Non troppe emozioni nel primo tempo. L’unico sussulto per Rafael e la Sampdoria è il gol di Mehdi Léris annullato poi dall’intervento del VAR per fuori gioco. L’autore del gol verrà poi sostituito da Hetemaj a causa di un infortunio muscolare. Ma prima il Chievo resta in 10. Aureliano sventola il rosso diretto in faccia a Barba dopo un brutto intervento ai danni di Defrel.

Con i padroni di casa in inferiorità numerica ci si aspetterebbe l’assalto blucerchiato nella ripresa che però non arriva. Semper è protagonista di alcune buone parate ma per l’estremo difensore clivense si tratta per lo più di una partita da ordinaria amministrazione.

Al minuto 70 il momento più emozionante della gara. Di Carlo richiama in panchina il numero 31, Sergio Pellissier, per la standing ovation dello stadio. Abbraccio tra il capitano gialloblù e Fabio Quagliarella prima della sua uscita dal campo dove ad attenderlo c’era tutta la panchina del Chievo, i giocatori della Sampdoria e l’arbitro per la più classica delle passerelle.

In campo non succede più nulla, la festa è tutta per Pellissier. Al triplice fischio tutto il Chievo dalla dirigenza, alla squadra inclusi ex giocatori ed allenatori in campo per salutare il capitani. Tributo da parte di tutto lo stadio ad una delle ultime bandiere di questo calcio moderno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.