Genoa Sampdoria 1-1: il Grifone fa la partita ma non punge

Criscito Quagliarella derbyTutto nel primo tempo, tutto come i pronostici fatti sotto la Lanterna. Genoa e Sampdoria si dividono la posta senza vincitori né vinti.

Partono forte i blucerchiati che alla prima occasione passano con Quagliarella lesto a incrociare di testa un cross perfetto sugli sviluppi di calcio d’angolo. Uomini di Giampaolo concreti, quadrati, sicuri. 8 minuti e il derby sembra avere già un padrone preciso.

Il Genoa accusa il colpo e non riesce a imbastire una efficace manovra offensiva, almeno per il primo quarto d’ora. Poi lentamente si scrolla le paure e cresce, mentre la Samp si accartoccia aspettando i Rossoblu. Arriva inevitabile il pari, su rigore: conquistato, battuto e realizzato da Piatek.

La storia cambia, la Sampdoria patisce, il Genoa acquista consapevolezza. C’è davanti ancora un’ora di gioco, tutto può accadere.

Kouame svetta su ogni pallone, Piatek in grande crescita rispetto alle ultime apparizioni; Ramirez soffre, Quagliarella l’unico leone mai domo. Il primo tempo si conclude sul pareggio ma lo spettacolo merita.

Ripresa differente, la Sampdoria entra in campo con nuove forze e per i primi dieci minuti sembra poter cambiare l’inerzia della partita. Il Genoa cerca nuovi equilibri e ribatte colpo su colpo. Col passare dei minuti però i Blucerchiati perdono intensità e lucidità risultando spesso in debito d’ossigeno mentre i Rossoblu riprendono a macinare gioco. Romulo spreca, Audero si oppone miracolosamente a Kouame di testa. Ma il Genoa non sfonda, la Samp prova a pungere nelle ripartenze ma il risultato non cambia.

Un pareggio buono per tutti, almeno per invertire la tendenza delle ultime partite. Bicchiere mezzo pieno per i Rossoblu e mezzo vuoto per i Blucerchiati, ma si sa, un derby è sempre un derby.

399 Visite totali 3 Visite di oggi
© Riproduzione riservata