Nel ponente genovese i “Nazionali” universitari

pra tricolori gozzi 2015

di Pierluigi Gambino –

Sulla scia del successo dello scorso anno, Genova ospita nuovamente, per alcune discipline sportive, i campionati nazionali universitari. Stavolta sarà protagonista il Ponente genovese, e in particolare la delegazione di Prà, cuore pulsante di un appuntamento prestigioso, organizzato – oltreché dal Cus Genova – da associazioni locali molto attive come Prà Viva, Speranza Prà e Circolo Velico Marina Aeroporto.
Il primo atto della manifestazione decolla domani al Circolo Sant’Anna di Lerca, comune di Cogoleto, dove per tre giorni si disputeranno le competizioni di golf, articolate su 54 buche complessive: distanza che consente l’inserimento a pieno titolo tra le gare federali. Particolarità curiosa è la sfida, prevista venerdì, tra docenti e personale dell’Università, in palio il titolo di Campione Accademico.
Sabato toccherà agli altri tre sport di “competenza” genovese. Alle 8.30 e alle 10 partiranno le battere eliminatorie maschili e femminili rispettivamente di canoa e canottaggio. Parallelamente, si svolgeranno i match race – in pratica sfide uno contro uno – di vela, che coinvolgeranno gli equipaggi di Genova, Cagliari, Bari e Bologna. Anche il personale accademico potrà partecipare a questi infuocati confronti, che dalle corsie di canottaggio a Prà si svilupperanno sino a Pegli.
Domenica, dalle 8.30, riprenderà il programma del canottaggio con partenze ogni dieci minuti sino al “clou”, la tenzone degli “otto con”, prevista alle 13.20. Ed è indubbio che gli atleti genovesi, già plurivittoriosi nell’edizione 2016, siano attesi come i principali protagonisti. Circa trecento, in rappresentanza di 15 Cus sparsi per l’Italia, gli atleti impegnati con i remi.
La rassegna genovese non rappresenta solo un importante evento agonistico, ma anche un’opportunità per realizzare una proficua aggregazione. A margine delle gare, grazie al supporto dell’azienda “Pesto di Prà”, avrà luogo nella serata di sabato una simpaticissima “apericena” con la quale si promuoveranno le eccellenze gastronomiche del territorio.
Intanto, un centinaio di atleti – tra tesserati anche non liguri al Cus Genova e universitari della nostra regione pure iscritti a facoltà “foreste” – si stano preparando alla sessione più importante dei campionati nazionali universitari, quest’anno ospitati da Catania. Atletica leggera, judo, boxe, karate, taekwondo e scherma le discipline in programma, con i cussini genovesi ben decisi a primeggiare ancora, a distanza di un anno, nel medagliere complessivo. Tra i nostri pezzi da novanta si annoverano il triplista Simone Calcagno (campione in carica e detentore del titolo ligure) e i canottieri Federico Garibaldi e Benedetta Bellio, medagliati agli ultimi Mondiali Universitari.
Durante il vernissage, Paolo Pinceti, delegato allo sport dell’Università di Genova, ha illustrato un progetto tendente ad evitare che i campioni di varie discipline vengano penalizzati nello studio universitario. Gli atleti segnalati dal Cus Genova potranno sostenere gli esami in date non coincidenti con gli appuntamenti sportivi e usufruire pure di borse di studio, tese a facilitare il loro doppio impegno.

402 Visite totali 6 Visite di oggi
© Riproduzione riservata