Samp, Giampaolo: “Rabbia di Napoli ancora da smaltire, domani giocano Schick e Muriel”

Giampaolo Meno uno alla prima del girone di ritorno per la Sampdoria, domani impegnata al Ferraris con l’Empoli di Martusciello. A introdurre la gara da Bogliasco come ogni vigilia l’allenatore blucerchiato Marco Giampaolo.

“Empoli per me è stato un passaggio fondamentale per ripartire, il senso di gratitudine lo ribadisco ancora una volta per l’opportunità che mi ha dato. Quella di domani è una partita difficile come le altre, contro una squadra che conosco bene e che nel suo piccolo lavora bene, è una squadra che temo. Dovremo fare la Sampdoria, non il Napoli contro la Sampdoria, non so se il messaggio è passato. La gara del San Paolo? Della partita non parlo, dico solo che la squadra ha fatto una gara di altissimo livello. È andata come è andata, ha lasciato delle ferite che vanno rimarginate. È una gara che ci ha fatto incazzare e ci fa incazzare ancora, per tanti motivi, posso solo rimarcare la prestazione dei miei ragazzi. Domani servirà una Samp furba? Una Samp giusta”.

Dalla sfida di Napoli a quella di domani. “Dubbi? Barreto non sta bene (infortunio al flessore), gli esami sembrano più rassicuranti di quello che sembrava all’inizio ma è un’assenza pesante, giocheranno Praet e Linetty. E poi Torreira, Alvarez, Schick e Muriel. La volete la formazione? Ve la do – sorride Giampaolo – Alvarez al posto di Fernandes? Ricky ha fatto una grande partita a Napoli, voi me lo mettete sempre all’angolo ma ha fatto una grande prestazione. Quagliarella in panchina? Per noi è fondamentale, a Napoli è sceso arrivando da un’influenza e in settimana giochiamo di nuovo. Dodô scommessa persa? Lo verificheremo, si allena e non ha fatto male, a maggio vedremo se starà con noi. Rinnovo Silvestre? Fino ad oggi ha fatto una grande stagione, sarà un’assenza pesante, spero continui a meritarsi tanta considerazione. Bereszynski? Si sta allenamento bene, ha bisogno di tempo. In questo momento le garanzie me le dà Pedro. Nell’uno contro uno è molto forte e gliel’ho detto, deve migliorare nella concentrazione dei 95 minuti, farà sicuramente una grande carriera. Se resterà? Cosa succederà al 31 gennaio non lo so, perché non c’è solo l’aspetto tecnico”. A chiudere la conferenza una battuta sul mercato. “Sono convinto che sia di competenza del club e che ci miglioreremo. La Sampdoria non è una provinciale, ha il dovere di migliorarsi, io penso debba essere così. Poi il miglioramento può arrivare attraverso un investimento in prospettiva, un ragazzo pronto, mantenendo però gli equilibri”.

912 Visite totali 3 Visite di oggi
© Riproduzione riservata