Sampdoria: le parole di Barreto, Caprari e Pradè dalla mixed zone del Ferraris

Barreto-Quagliarella, la Sampdoria stende il Verona e torna a vincere. A commentare il successo sui gialloblù dalla mixed zone del Ferraris il responsabile dell’Area tecnica Daniele Pradè, l’autore del primo gol Édgar Barreto e l’assist man Gianluca Caprari.

“Con l’Atalanta il primo gol di testa, oggi un gol da attaccante vero? Ho fatto un buon inserimento, sfruttando una grande palla di Gianluca (Caprari, ndr): sono contento per il gol, ma ancora di più per la vittoria. – le parole del centrocampista – L’esultanza? Era per la famiglia che mi sta sempre vicina. I miei figli? Mi seguono, sono contenti quando gioco un po’ meno quando non scendo in campo. – sorride Barreto – Come si chiamano? Il più grande Matias, gioca nei 2006 della Sampdoria, gli altri Wikel e Oliver”. Contratto in scadenza a giugno, sul suo futuro: “È ancora da decidere, sono in scadenza, aspettiamo un’offerta da parte della società per continuare assieme questa avventura. Le parole di Giampaolo? – ieri in conferenza ha detto che spera nel suo rinnovo – Fa soltanto piacere se l’allenatore ha questa considerazione per me, vuol dire che qualcosa riesco a dare alla squadra. Poi si vedrà, io sono contento qua, la mia famiglia è felice qui, spero che anche la società lo sia: è questione di tempo, aspettiamo”.

“Barreto importante per Giampaolo? Lo è anche per noi: ci stiamo parlando, come tutte le cose, c’è una trattativa e stiamo parlando con il suo agente. – ha continuato Pradè – Lui è informato di tutto essendo un grande professionista sa che più rende meglio è per lui. Caprari? – per il quale la Sampdoria ha fatto uno sforzo a gennaio trattenendolo – Lo sforzo lo ha fatto il presidente. Gianluca è un giocatore dire, nel momento in cui farà un click da autostima diventerà un giocatore da grandissima squadra”. Su Murru, investimento importante fatto in estate dal club. “Sono contento, Nicola ha fatto un’altra grande gara: sta crescendo, sta maturando e sta risparmiando un po’ di forza fisica un po’ brutale che lui ha per metterci dentro anche intelligenza, situazioni tattiche e li ci sta lavorando tutto l’allenatore con il suo staff. Nicola sta facendo molto bene, sono molto contento, siamo molto contenti. La situazione Strinic? È una situazione che è stata chiarissima fin dall’inizio, tanto che non c’è stato mai nessun tipo di problema con Ivan. Strinic è venuto qui con la consapevolezza che sarebbe stato qui dieci mesi, anche noi certamente faremo una proposta per lui: è un ragazzo talmente serio, un professionista talmente serio, noi non abbiamo nessuna preclusione nei suoi riguardi e lui darà il massimo fino alla fine non dovessimo trovare un accordo”.

“Assist a Barreto e buona prestazione? Sono contento della mia partita, ma quello che era importante era il risultato di una partita difficile con tante occasioni non sfruttate”. Le parole di Caprari, che sulle dichiarazioni di Pradè, che nella mixed zone del Ferraris a fine gara ha detto di come un click di autostima possa far diventare Caprari un giocatore da grande squadra. “Io autostima ne ho sicuramente, poi è chiaro che più gioco meglio è, cercherò sempre di farmi trovare pronto. Lo sforzo della società per trattenermi a gennaio? Sono lusingato, vuol dire che credono molto in me, cercherò di fare il mio meglio sino a fine stagione. Come ho vissuto gli ultimi giorni di calciomercato quando sembrava potessi andare via? Nemmeno ci pensavo, sapevo qualcosa del Sassuolo ma non mi importava perché pensavo a finire qui la stagione”.

897 Visite totali 3 Visite di oggi
© Riproduzione riservata