Sampdoria, le parole di Regini, Belec e Pradè dalla mixed zone del Ferraris

Milik – Albiol, a Marassi finisce 2-0 per il Napoli. Finisce con uno stop il campionato in casa della Sampdoria, ko che Regini, Belec e Pradè dalla mixed zone del Ferraris hanno commentato così.

“È stata una partita tosta contro un grande a Napoli, noi penso ci si sia stati provando a fargli male. La sospensione della gara? L’arbitro ci aveva detto che avrebbe sospeso la partita per i cori del pubblico, alla fine l’ha fatto: é una linea che ora hanno e alla fine hanno fatto bene a sospenderla. Sia io che la società poi siamo intervenuti e la situazione è rientrata, con il pubblico che è tornato a fare quello che ha sempre fatto, essere il dodicesimo uomo in campo. L’Europa sfumata? C’è rammarico, siamo stati tanto tempo sesti, abbiamo perso tanti punti fuori casa. Dagli errori si impara, ora anche se non ci giochiamo più l’Europa non dobbiamo comunque regalare niente a nessuno. Giampaolo ci ha dato quello che poi abbiamo espresso, è una sua impronta: speriamo che rimanga, c’è un po’ di rammarico come detto, noi abbiamo dato tutto e ripartiremo alla grande” le parole di Vasco Regini,

“La partita l’abbiamo preparata bene e siamo andati in campo per fare risultato. L’’esordio? Mi sono allenato sempre bene, ero sempre sul pezzo, e questo ha aiutato a farmi trovare pronto. Il futuro? È ancora da decidere, la società ha l’opzione per riscattarmi, vediamo. La mia volontà é quella di rimanere qui: da titolare o dodicesimo? Sono giovane e ho voglia di giocare, come detto devo parlare con la società e vedere che intenzioni hanno” ha continuato Belec.

“I tifosi ci credevano? Ci credevamo anche noi, non ci siamo riusciti: c’è rammarico e consapevolezza che quel saltino in avanti lo possiamo fare. Si riparte da Giampaolo e con meno giocatori via? Con Giampaolo stiamo programmando, ci sono giocatori che hanno clausole: la Sampdoria è una società che sa quello che deve fare. Meno cessioni? È difficile prevedere un mercato, tanti giocatori hanno richieste. Non è solo il fatto di trattenerli, bisogna vedere la volontà di questi giocatori, noi bisogna essere bravi a farci trovare pronti. Il mio futuro? La prossima settimana incontreremo tutti la dirigenza, ma stiamo già organizzando il futuro. Cori discriminatori? Dispiace per quanto accaduto, Noi stiamo molto ardenti a quelle cose, quella parte della tifoseria non va giustificata ma bisogna dire anche che i tifosi della Sampdoria sono sempre esemplari” ha chiuso Pradè.

381 Visite totali 3 Visite di oggi
© Riproduzione riservata