Sampdoria-Spal: Regini, Pradè e Viviano dalla mixed zone del Ferraris

Due volte Quagliarella, la Sampdoria torna a vincere e a sorridere. A commentare la vittoria sulla Spal dalla mixed zone del Ferraris Vasco Regini, Daniele Pradè ed Emiliano Viviano.

“Era molto importante chiudere con una vittoria perché venivamo da un momento dove i risultati non erano a nostro favore, ma le prestazioni non sono mai mancate: questa vittoria ci da fiducia e chiude un ottimo 2017. – le parole del difensore – Quagliarella? È un giocatore importantissimo, lo conosciamo, risolti i suoi problemi ora si sta esprimendo al meglio e nonostante l’età sta facendo grandi cose. Complimenti a lui, ce lo teniamo stretto. L’Europa? Se abbiamo chiuso il girone di andata in questa posizione vuol dire che lì ci puoi stare, ora dobbiamo provare a restare lì il più a lungo possibile. Prossima gara Benevento? Non sarà una gara facile, oggi hanno trovato i pre punti, dovremo stare molto attenti”.

“Volevo fare gli auguri a tutti i tifosi della Samp, auguro ai nostri tifosi e a tutti un 2018 di serenità e auguriamoci di fare il nostro meglio per farli contenti. Per farlo ci metteremo cuore e sacrificio. – ha continuato il responsabile dell’Area Tecnica blucerchiata – Un bilancio del 2017? È stato un anno importante, con uno staff preparato e un gruppo di ragazzi che dà sempre tutto. Questo 2017 ci dà l’opportunità di avere un’identità. Siamo una squadra temibile, che va a giocarsi tutto su ogni campo, non possiamo che crescere e alla lunga il lavoro paga”.
“Il mercato? Se andrà via qualcuno sarà chi gioca meno: ma sotto il profilo delle entrate, anche per come lavora il nostro allenatore, non è semplice integrare a gennaio. Veniamo da un mini-ciclo negativo, ma solo nei risultati, perché l’unica partita sbagliata è stata quella di Bologna. Quagliarella? Quando sei un professionista serio e hai la testa libera i risultati arrivano, è un ragazzo che dà tantissimo, anche all’interno dello spogliatoio”.

“La mia mano sul ritorno ai tre punti? Il portiere deve parare, sono contento che le mie parate siano valse i tre punti. La vittoria di oggi è molto importante, abbiamo perso alcune partite facendo buone prestazioni, ma ad essere fondamentali sono i punti: oggi abbiamo vinto, abbiamo trenta punti e tutti avremmo firmato per chiudere così il girone di andata. – parole e pensieri del portiere del Doria – L’ obiettivo? È continuare così, creare paura negli avversari e continuare a fare bene, poi il campionato è molto lungo. La prossima gara? Si va a Benevento, che ha fatto prestazioni ottime, dovremo affrontare la gara nel modo giusto”. Su Quagliarella, protagonista di giornata. “Fabio è determinante, perché sa giocare a calcio e perché è un campiona: ha fatto più di cento gol in A, fa la differenza anche in partite dove brilla meno come oggi.
Quanto è cresciuta la Samp nel 2017? Tanto, è cresciuta perché ha una sua identità, con un gioco a volte rischioso con la difesa alta, quando poi non arrivano i punti anche con voi giornalisti arrivano le dietrologie, per noi era importante chiudere bene. Quanto mi manca per essere al top? Ancora non lo sono, perché dopo un infortunio come il mio per esperienza ci vuole un annetto, da Cagliari però ho sensazioni positive”.

Updated: 30 Dicembre 2017 — 18:16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.