La bogliaschina Teresa Frassinetti nominata vice presidente Federnuoto. “Onorata ed entusiasta”

frassinetti<Onorata ed entusiasta>: così Teresa Frassinetti, centroboa del Bogliasco Bene, definisce il proprio stato d’animo dopo essere stata nominata per il prossimo quadriennio vicepresidente della Federnuoto.

Un’investitura che giunge a poco più di un mese da quella medaglia d’argento conquista con merito e sudore a Rio de Janeiro: <Onestamente questa nomina è stata del tutto inaspettata – commenta Teresa – devo dire che non me l’aspettavo, mi ha colto veramente di sorpresa. È comunque un onore grandissimo essere stata scelta per ricoprire un incarico simile. Lo accetto con entuasiasmo e con tanta voglia di far bene. Di sicuro ho tanto da imparare e da parte mia c’è tutta la volonta di farlo>.

Una nuova strada si apre quindi davanti a Teresa che però, dopo aver vinto tutto sia con i club che con la Nazionale, almeno per il momento non ha alcuna intenzione di abbandonare la vasca: <Continuerò a giocare al massimo come ho sempre fatto e quando sarò in acqua mi comporterò come se la carica non ci fosse. D’altronde questa nomina non la considero un lavoro, visto che per il mio futuro ho altri progetti in mente che si possono tranquillamente conciliare con i nuovi impegni istituzionali. Considero, se mai, questa come un’ottima occasione per migliore il mio sport, portando nelle scrivanie l’esperienza di chi ‘vive la vasca’>.

In un momento così magico per lei, Teresa dimostra una volta di più di essere una ragazza con i piedi per terra, che non si dimentica di chi l’ha aiutata a raggiungere questi grandi traguardi: <Ringrazio innanzitutto i dirigenti del Bogliasco Bene che mi hanno accolto come una di famiglia e che non mancano mai di riempirmi di complimenti. La mia presenza nella Fin è in fondo anche la loro presenza. Io sarò lì a portare in alto il nome della società e della cittadina per cui gioco>.

Oltre che per la nomina, in queste ore il nome di Teresa è salito agli onori delle cronache anche per la sua presenza nell’elenco degli olimpionici italiani esentati dal divieto di usare farmaci compresi nelle liste anti-doping prima dei giochi di Rio. Una vicenda sulla quale la centroboa bogliaschina si dichiara però assolutamente serena: <Sono del tutto tranquilla, perchè la questione è chiara e limpida. Qualche settimana prima dei Giochi ho assunto dei farmaci cortisonici per curarmi una polmonite che mi trascinavo da mesi e non ne voleva sapere di andarsene. Ma il tutto era perfettamente in regola con le norme antidoping. Prima di assumerli, a fine luglio, chiesi ed ottenni il via libera dalla federazione internazionale>.

Updated: 24 Settembre 2016 — 19:01

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.