CON IL TROFEO FILIPPI GENOVA CAPITALE DEL COASTING ROWING

Il Coastal Rowing è la disciplina emergente nel settore del canottaggio. Sorta agli inizi del secolo in Francia, si sta sviluppando anche in Italia e nel 2028 diventerà disciplina olimpica. In ossequio alla denominazione, si pratica non lontano dalla costa in singolo, doppio e addirittura in quattro con a bordo di imbarcazioni “ad hoc”, più larghe di quelle del sedile mobile. Il fine precipuo è abbinare lo sforzo agonistico ad una contemplazione del territorio costiero, con possibilità anche di seguire un percorso frastagliato.

Questo sport emergente sarà protagonista il 2 giugno nel Trofeo Lido Filippi, nazionale, in memoria del fondatore del cantiere navale toscano che produce barche da Coastal. Dopo la tappa di Lido Fano, ecco l’evento genovese, che sarà seguito dalle competizioni a Lignano, Lago Patria e Marina di Castagneto

L’organizzazione è curata nei minimi dettagli dalla Dario Schenone, che ha sede all’inizio di corso Italia e proprio dal mare ad esso limitrofo – Punta Vagno – prenderà il via la competizione di endurance sulla distanza di sei chilometri, con giro di boa al traverso di Boccadasse e secondo giro di boa a Sturla, nei pressi del monumento dei Mille, da dove si tornerà al punto iniziale. Singolo, doppio (anche misto) e quattro con timoniere sono le specialità in programma.

Intanto, sta crecendo il numero dei circoli iscritti. Alcuni, come l’Elpis, sono genovesi e altri provengono da Lazio e Sardegna, altre aree costiere dove la disciplina è assai diffusa.

Ovviamente il Trofeo Filippi gode dell’appoggio del Comtato regionale della Fic, ma anche dell’Elpis e della Canottieri Sanremo, la cittadina che ospita il “cuore” del Coastal in Liguria. E’ stata però una precisa scelta federale quella di far disputare la gara nel capoluogo regionale, per fini squisitamente promozionali.

La Dario Schenone, club attivisssimo nei diversi sport marinari, vuole fare le cose in grande dopo aver avanzato la propria candidatura ai prossimi campionati italiani della specialità, spera, nel 2024 – anno in cui Genova sarà capitale europea dello sport – di ospitare una manifestazione europea o mondiale in condivisione con la società MaRE.

In attesa di riscontro, il sodalizio di Punta Vagno ha assunto l’organizzazione di una classica del canottaggio a sedile fisso locale, il Palio di San Pietro, fermo per alcuni anni ma in via di rilancio: appuntamento il 2 e 3 luglio, con migliaia di appassionati che si raduneranno davanti al mare della Foce.

              PIERLUIGI GAMBINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.