Coppa Italia: Juventus-Genoa 3-2 (d.t.s.); Rafia decisivo dopo un recupero da 0 a 2 a 2 a 2

Pronti via e la Juventus segna subito con Kulusevski che approfitta di una errata posizione della difesa per battere Paleari. Azione nata da un intervento di Morata prima e Chiellini dopo, 1 a 0. Fatica il Genoa a fare gioco anche perché la Juventus pressa a tutto campo. Kulusevski il più pericoloso dei suoi, ancora al tiro, ma questa volta Paleari ribatte la conclusione. Juventus che attacca a spron battuto, qualche problema per la difesa del Grifone che di fatti viene battuta per la seconda volta con Morata lanciato da Kulusevski, 2 a 0. Il Genoa non ci sta e al 28′ accorcia le distanze con un bel colpo di testa di Czyborra abile a deviare un cross dalla destra di Goldaniga, 2 a 1. Se non altro resta vivace la partita con la squadra di casa che spesso accelera per mettere in difficoltà la retroguardia avversaria.

Si riparte con Rabiot per Bentancur. La Juventus tiene palla rendendosi pericolosa con Morata e Kulusevski. Sull’altro fronte gran tiro di Pjaca che colpisce la traversa a Buffon battuto. Ritmo della partita certamente più basso rispetto alla prima parte. Mister Pirlo effettua quindi due cambi con il Genoa che prova ad attaccare la difesa avversaria creando qualche buon presupposto per raggiungere il pareggio. E il 2 a 2 giunge al 29′ con Melegoni che da fuori area calcia perfettamente mandando la sfera alle spalle di Buffon. Il tecnico juventino inserisce quindi Rafia per Portanova per dare maggiore spinta all’attacco bianco-nero. A due minuti dalla fine entra Ronaldo per Wesley. Finisce il tempo, si va ai supplementari.

Juventus avanti tutta ad inizio del primo tempo supplementare con Paleari super sul colpo di testa di Rabiot. A un minuto dalla fine del tempo, Rafia segna di destro eludendo la difesa avversaria di Bani e Lerager, 3 a 2. entra Radovanovic all’inizio della seconda parte al posto di Melegoni. Subito occasionassima per Radovanovic che di testa vede la sfera deviata sulla riga da Artur. Anche Lerager ci prova, palla alta di poco ma c’è anche super Paleari su Kulusevski. Resta comunque la rande prestazione dei liguri con i piemontesi costretti a sudare le proverbiali sette camicie per raggiungere i quarti.

Queste le squadre mandate in campo dai due tecnici. Juventus: Buffon, Bernardeschi, Chiellini (65′ Bonucci), Dragusin, Demiral (65′ Danilo), Portanova (77′ Rafia), Bentancur (46′ Rabiot), Arthur, Wesley (88′ Ronaldo), Morata, Kulusevski. Genoa: Paleari, Goldaniga, Bani, Dumbravanu (96′ Males), Ghiglione, Lerager, Rovella, Melegoni (dal 105′ Radovanovic), Czyborra (110′ Eyango), Pjaca, Scamacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.