Davide Ballardini: “Due fasi di gioco da fare bene per portar via punti”

Ballardini Genoa

Ballardini Genoa

di Franco Avanzini –

Davide Ballardini ha parlato presso la sala stampa del Centro Sportivo Signorini nella giornata precedente la sfida di Reggio Emilia contro il Sassuolo (inizio, domani, ore 20.30, Mapei Stadium). Intanto il primo tema toccato è stato quello della condizione dei giocatori che erano in dubbio: “Favilli si è allenato con la squadra ieri e questo pomeriggio vedremo come starà e quindi decideremo s inserirlo o meno tra i convocati. Gunter oggi prova mentre sono out sia Romero che Sandro”.

Sassuolo che gioca con un trequartista. “Anche l’Empoli lo ha fatto. Sarà importante per un centrocampista oppure per un difensore andarlo a prendere subito. Dovremo esser bravi a restare corti. Sarà importante cercare di tenere la palla il più a lungo possibile anche se non sempre sarà possibile. Fare bene le due fasi di gioco sarà basilare in gare come quella di domani”. Che avversaria si attende? “Una squadra che gioca a memoria e che ha cambiato qualcosa pur mantenendo una base di sei sette undicesimi intatta rispetto alla passata stagione. Giocatori come Duncan, Berardi, Peluso, Manganelli, il portiere, tutti elementi che si conoscono bene. Il Sassuolo è una squadra che spende molto per il nostro livello e si piazza sempre tra le prime dieci dodici posizioni. Poi c’è l’anno che fanno l’exploit arrivando sesti e un altro che le cose vanno meno bene. Ma solitariamente sono davvero molto forti”.

Su Piatek e Kouamé così si esprime il tecnico genoano. “Intanto diciamo che non hanno ancora fatto nulla e che avranno ancora molto da lavorare. detto questo, Piatek deve migliorare nei movimenti mentre Kouamè deve imparare a perdere meno la palla ma entrambi hanno qualità importanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.