Genoa pagelle, Pandev superstar, bene Masiello

Perin 6: per tutta la prima frazione è praticamente inoperoso, e il copione non cambia nemmeno nel secondo tempo. Sarebbe quasi da s.v., ma il suo vocione rimbomba di continuo nel vuoto Ferraris e sprona i compagni;

Masiello 7: in un’inedita posizione di terzino sinistro copre bene e, quando può, sale con i tempi giusti regalando l’uomo in più alle offensive rossoblù;

Zapata 6,5: annulla Petagna, di fisico e furbizia. Sempre attento in copertura senza sbavature;

Goldaniga 6,5: sovrasta perennemente la coppia di attaccanti estensi sui colpi di testa, dimostrando attenzione e puntualità continua;

Biraschi 6,5: alcuni dribbling buoni più qualche lancio pericoloso. Tiene alla salvezza del Genoa e si vede;

Cassata 6,5: si procura il rigore poi sbagliato da Falque con grande astuzia, poi fa il suo sulla corsia esterna; (dal 60’ Barreca 6: entra bene, attento in copertura e frizzante in fase di spinta);

Schone 6,5: nel primo tempo perde troppi palloni, ma ad inizio ripresa su punizione disegna una traiettoria splendida su cui Letica non può fare proprio niente che di fatto chiude il match. A 5’ dalla fine si divora il 3-0;

Behrami 7: il centrocampo è roba sua. Ringhia su tutti recuperando decine di palloni e “ripulendoli” per i compagni più raffinati. Severo il giallo che gli rifila Guida per un fallo onesto ai danni di Valdifiori (dal 74’ Lerager 6: mette in porta Destro dopo uno scambio con Falque a tempo quasi scaduto);

Falque 5,5: regala un assist prezioso a Pandev per l’1-0, poi si fa ipnotizzare dal dischetto calciando malissimo;

Pandev 7,5: dipinge calcio e spinge il Genoa verso la salvezza, a trentasette anni e con 32°C. Impossibile chiedergli di più (dal 73’ Sanabria 6,5: va vicino al gol con un gran tiro dalla distanza a dieci dalla fine);

Pinamonti 6,5: nonostante non si segnali il suo nome nel tabellino dei marcatori, la sua prova è tutto sommato positiva. Nel primo tempo ci prova due volte, nel secondo va vicino al gol con un bel sinistro spalle alla porta e si guadagna diversi calci di punizione (dal 90’ Destro 5,5: ritrovatosi solo davanti a Letica dopo una bella combinazione con Lerager, manca il gol del 3-0).

Letica 6,5: sul gol di Pandev non ha grosse responsabilità, ancora meno sulla punizione di Schone. Indovina l’angolo a Iago;

Reca 5: causa il rigore stendendo ingenuamente Cassata, poi manca anche in fase di spinta fino a sparire dal campo;

Bonifazi 5,5: colpevole sul gol di Pandev al pari del compagno di reparto Vicari;

Vicari 5,5: sbaglia sull’1-0 e non si riscatta nel corso del resto della partita;

Cionek 6: prestazione da terzino nel complesso buona, senza sbavature ma nemmeno iniziative particolari sulla fascia;

Tunjov 6: il giovane debuttante classe 2001 si vede di rado, ma dimostra voglia di fare. È l’unico di tutta la Spal a cercare la porta di Perin (dal 58’ Valdifiori 6: sistema qualche pallone per i compagni, ma non può fare di più)

Dabo 5,5: fa sentire la presenza fisica in mezzo al campo, anche se Behrami gli rende piuttosto complicati i compiti (dal 70’ Sala s.v.);

Missiroli 5: l’ex Sassuolo si nota poco. Il centrocampo è tutto del Genoa, dal 1’ al 90’;

Strefezza 5: solitamente spinge molto di più, ma il merito va a Masiello che lo contiene sempre con attenzione (dal 58’ D’Alessandro 6: gli bastano pochi minuti per far meglio del collega a cui subentra, con una bella discesa che si perde sul fondo);

Petagna 5: non viene segnalata la presenza dell’attaccante principe della Spal se non per i duelli aerei persi contro la coppia di centrali Goldaniga-Zapata;

Floccari 5: stessa prestazione del compagno di reparto. Mai pericoloso, perde tutti i duelli (dal 70’ Cerri 5,5: lo si nota solo per una brutta entrata in ritardo su Masiello)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.