In uno stadio deserto per via dell’emergenza sanitaria nazionale, la Samp ritrova se stessa e i tre punti

La partita inizia con le due squadre che si studiano, un paio di incursioni per parte con Audero da una parte e Silvestri dall’altra che si dimostrano attenti. L’equilibrio viene rotto al 32′: Lazovic supera per l’ennesima volta uno spaesato Bereszensky, la palla arriva sul secondo palo senza che Audero accenni all’uscita, Augello si fa rubare il tempo da Zaccagni che indirizza verso la porta, il pallone carambola sul petto del portiere blucerchiato e finisce in rete. 0-1. La squadra scaligera controlla senza troppo affanno la partita, la Samp ci prova ma in tutta la frazione non riesce a creare un solo pericolo alla porta di Silvestri.Nella secondo frazione gli uomini di Ranieri entrano con un altro spirito e schiacciano il Verona nella propria metà campo: una superiorità che però per lunghi minuti non si concretizza in vere e proprie occasioni da rete. Almeno fino al minuto ’62 quando Jankto dal limite spara centrale e l’estremo difensore ospite respinge con sicurezza. Al 65′ è ancora Silvestri, grazie anche alla traversa, a negare il pareggio ai blucerchiati su un gran colpo di stato di De Paoli su calcio d’angolo.Al minuto ’77 il subentrato Badu perde un pallone in ripartenza, Quagliarella appoggia a De Paoli che gli restituisce un pallone perfetto dentro l’area: il capitano bucerchiato di piatto destro infila nell’angolo e corre a sfogare la sua gioia sotto una Sud deserta.Passano 5 minuti e la Samp passa in vantaggio: ci vuole il Var tuttavia perché Valeri sanzioni con il penalty una gomitata in area di Dawidowicz su Ekdal: sul dischetto ancora Quagliarella che con freddezza spedisce il pallone nell’angolo alto alla destra di Silvestri. Nei minuti finale la Samp si difende con le unghie e con i denti e riesce a portare a casa tre punti fondamentali contro un Verona che dimostra un’ottima organizzazione di gioco ma che, forse, ha creduto di aver fatto sua la posta troppo presto.

Updated: 8 Marzo 2020 — 18:08

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.