Inter-Sampdoria 3-0, liguri che tengono un tempo e poi crollano nella ripresa

Ospite dell’Inter in piena corsa Scudetto, la Sampdoria cercherà intanto di fare bella figura e poi di regalarsi un pomeriggio importante. Partono forte i padroni di casa con Yoshida subito ammonito per un fallo di gioco. Il primo tiro del match è firmato Calhanoglu, Audero non si fa sorprendere e blocca il pallone. Arriva il vantaggio del Milan che spegne un po’ la verve interista. La Sampdoria controlla bene e fa girare la sfera senza soffrire troppo. Al 24′ ci prova comunque Lautaro Martinez di testa, palla che va a sfiorare il palo della porta di Audero. L’attaccante anche di piede sa rendersi pericoloso centrando la porta, Audero c’è. L’ex Candreva mette i brividi ad Handanovic e poco dopo giallo per gioco scorretto a Barella. La muraglia blucerchiata regge su Barella e Lautaro Martinez, intanto giunge pure il raddoppio milanista. Audero bravo al 38′ su Correa ma per l’Inter non c’è più nulla da fare visto che il Milan a Reggio Emilia sta maramaldeggiando sul Sassuolo. Finisce il tempo senza reti.

Non ci sono cambi con l’Inter che sfiora il gol con Barella che trova però sulla sua strada le manine di Audero. Al 5′ Perisic non sbaglia servito alla perfezione da Barella, 1 a 0. La Samp prova a reagire con Sabiri ma la sua conclusione termina lontano dalla porta. Al 10′ arriva pure il raddoppio con Correa con un tiro che manda la sfera con destro nell’angolino della porta avversaria, 2 a 0. Passano due Minuit e Correa fa il bis personale liberandosi in area di un paio di avversari, 3 a 0. Triplo cambio interista: fuori Parisi, Barella e Bastoni, in campo vanno Gosens, Vidal e Dimarco. Nella Sampdoria invece fuori Candreva e Thorsby per Damsgaard e Trimboli. Giallo a Ferrari per una trattenuta. De Vrji e Lautaro sfiorano il poker, bravo Audero. Escono quindi de Vrij e Correa per Caicedo e Ranocchia. Audero super su Lautaro Martinez mentre Caputo prima e Augello dopo sfiorano la rete della bandiera. Vieira e Yoshida lasciano quindi il campo a Magnani ed Askildsen. Partita evidentemente che non ha più nulla da regalare alla piazza e ai tifosi. Nel finale va in campo anche Yepes per Rincon. Non accade più nulla e per l’Inter resta il secondo posto; Sampdoria Salva da un paio di settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.