La surgelazione e la congelazione: le differenze

di Stefano Solimano –

cristallo neveEsistono due diversi procedimenti di raffreddamento con diversi tempi di conservazione dei cibi e queste due metodologie vengono dette surgelazione e congelazione.

Surgelare si applica ai prodotti trattati industrialmente secondo dei criteri molto moderni a bassissime temperature e con un igiene totale e regole precise stabilite dalla legge. I cibi vengono portati a temperature di almeno 50 gradi sottozero in un tempo rapidissimo permettendo così il mantenimento di tutte le sostanze nutritive e le caratteristiche dell’alimento fresco.

Congelare invece si applica a prodotti trattati per uso domestico che arrivano a temperature tra i 18 e i 35 gradi sottozero e consentono ai cibi di indurirsi lentamente per assicurare la conservazione delle caratteristiche nutrizionali. In commercio si possono tuttavia trovare prodotti industriali che vengono definiti congelati e non surgelati e hanno una durata di conservazione inferiore.
Il surgelato ha però caratteristiche di durata massima perché, oltre ad essere congelato, è anche confezionato in maniera perfetta.

Ci sono alcuni accorgimenti per far sì che tutti noi siamo al sicuro dall’acquisto di prodotti che non presentino caratteristiche di sicurezza.
Per prima cosa quando acquistiamo un surgelato controlliamo attentamente che i cibi non siano stivati oltre il limite indicato sulla parete del banco; in più il freddo dev’essere sempre al di sotto dei 18 gradi e se è possibile accertiamocene controllando il termometro che legalmente dovrebbe trovarsi appeso sulla parete interna del banco. Le confezioni di cartone devono essere in perfetto stato e non devono per esempio avere gli angoli bagnati e soprattutto non devono avere subito colpi o comunque essere sformati. Le confezioni in sacchetti o in plastica non devono anch’esse avere segni di rottura e devono essere perfette senza presentare segni di brina all’esterno o cristalli di ghiaccio all’interno della confezione.

Per quanto riguarda invece il trasporto dal negozio a casa va compiuto il più velocemente possibile servendosi di un aiuto come per esempio le apposite borse frigo o anche i semplici sacchetti termici che si trovano facilmente in commercio.
In mancanza di tutto ciò si possono utilizzare anche fogli di giornale che isolano il prodotto dal calore esterno.

Updated: 17 Luglio 2015 — 8:02

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.