Milan-Sampdoria: le pagelle – bene la difesa

Audero 6: nel primo tempo ancora troppo incerto, nella seconda frazione invece sbroglia con sicurezza un paio di situazioni sporche 

Bereszyński 6,5: al rientro dopo l’infortunio dimostra l’importanza della sua presenza sulla fascia destra. Sbaglia poco o nulla soffrendo solo un po’ nel finale la freschezza di Leao

Chabot 7,5: monumentale. Non patisce per niente i sessantamila di San Siro, svetta sulle palle alte e compie un recupero in scivolata su Suso che da solo vale quanto un gol. 

Colley 7,5: insuperabile. Attento, preciso e ordinato, anche dopo l’ingresso del figliol prodigo Ibra non concede nulla

Murru 6,5: spinge meno che in altre occasioni ma dalla sua parte deve contenere le offensive di Suso (in realtà oggi piuttosto spento)

Thorsby 7: il biondo tutto cuore e grinta sfodera un’altra prestazione delle sue. Ringhia e riparte e quest’oggi prova anche la conclusione da fuori che mette i brividi a Donnarumma

Vieira 5: l’anello debole. Perde ancora troppi palloni, è lento nelle ripartenze e ha sulla coscienza il mancato vantaggio con un piatto debole quando Donnarumma era già fuori dai pali

Linetty 5,5: ancora non è tornato il Karol che conosciamo. Impreciso in alcuni appoggi, non si risparmia ma da lui, per la qualità che ha,  ci si aspetta sempre un contributo maggiore

Ramírez s.v.: lascia il campo per infortunio prima della mezz’ora

Gabbiadini 5: il voto è la giusta media tra il 7 per le occasioni create e il 3 per come le ha finalizzate. Due clamorose nel secondo tempo, in una tira addosso al portiere in un tu per tu e nella seconda, dopo averlo saltato, calcia malamente sopra la traversa

Quagliarella 5: partita difficile la sua. La Samp gioca in ripartenza e Fabio non ha più l’età e il fisico per farlo. Sbaglia però troppo anche col pallone tra i piedi e non calcia una sola volta verso la porta

De Paoli s.v.: subentra a Ramírez ma dopo pochi minuti è costretto anche lui ad abbandonare il terreno di gioco 

Jankto 6: ci prova, non si risparmia, andrebbe anche in gol se la posizione di partenza non vanificasse tutto. Non dá mai l’impressione, tuttavia, di poter spezzare la gara

Ekdal s.v.: pochi minuti nel finale per cercare di mettere ordine e infondere calma

Updated: 6 Gennaio 2020 — 18:42

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.