Una serie di appuntamenti prestigiosi per i 100 anni della Sportiva Sturla

Cent’anni di vita con qualche acciacco ma anche con l’entusiasmo dei ventenni. La Sportiva Sturla è in procinto di tagliare il prestigioso traguardo e festeggiare il genetliaco con una serie di iniziative che acomunano agonismo e cultura.

Il club biancoverde è un fiore all’occhiello della città sin dal 1923, quando si aggiudicò uno scudetto nella pallanuoto. Fasti rinverditi nei decenni successivi con la partecupazione di ben sei soi atleti alle Olimpiadi, centinaia di allori nazionali ed internazionali e, soprattutto, l’organizzazione di alcuni appuntamenti sportivi diventati una felicissima tradizione. La Sportiva da sempre opera in tre discipline acquatiche (nuoto, pallanuoto e salvamento) e vive attualmente sull’attività appassionata e fervida di 250 soci.

Il secolo di esistenza meritava però un’attezione particolare. Ed ecco varate proposte celebrative di assoluto livello nelle discipline di competenza. Nel nuoto è già agli archivi il primo appuntamento datat 2020: il Trofeo della Befana, che il 6 gennaio scorso ha radunato nella piscina sturlina gli atleti del circuito Propaganda.

Ben più attesa è l’edizione speciale del Memorial Morena, fantastica rassegna giovanile che per molti anni ha rappresentato il capolavoro del club biancoverde, capace di dirottare a Genova le promesse più fulgide del continente. Il 20 e il 21 giugno, nell’edizione numero 37, si potranno ammirare i talenti di Spagna, Portogallo e Svizzera: spettacolo garantito.

Sempre nel solco della tradizione, è in programma il 13settembre il 77° Miglio Marino, originale competizione in acque libere, da sempre ambientata nel golfo di Sturla. Mai come quest’anno la rassegna vedrà al via campioni di livello internazionle.

Ed eccoci alla waterpolo, altro punto forte della Sportiva, la cui prima squadra partecipa con onore al campionato di A2. Il Trofeo del Mare 2020 “Torneo Panarello”, calendarizzato nelle prime due settmane di luglio, avrà il pregio di riproporre per la diciassettesima volta la pallanuoto in mare, come ai primordi di questa disciplina, che solo in un secondo tempo invase le piscine. Novità di quest’edizione è l’estensione geografica: prima delle partite di finale, si svolgerà infatti una doppia fase eliminatoria, fissata ad Arenzano e a Rapallo, così da allargare la manifestazione ad entrambe le riviere. 

Infine, il nuoto per salvamento, che avrà come “clou” la terza edizione del Memorial Fabio Gardella, alla memoria del dirigente, scomparso tre anni orsono, che lanciò questa disciplina in ambito sturlino. Sempre nel salvamento, una rapresentativa biancoverde prenderà parte ai campionati mondiali, previsti a Riccione a cavallo tra settembre ed ottobre. Su Carlotta Tortello, una Nazionale, si appuntano le speranze della società genovese.

Ma non è finita. I cent’anni dello Sturla suggeriscono anche qualche digressione di carattere culturale, ovviamente in tema di sport. Domenica 23 febbraio al Teatro della Gioventù è programmata la fesa in famiglia, con presenza e premiazione di tutti gli agonisti biancoverdi nelle varie discipline.

La sede della Sportiva invece opiterà a lungo una mostra fotografica dedicata ai 100 anni dela società, allo scopo di tramandare agli atleti di oggi e domani lo spirito che ha accomunato tutti i loro predecessori.

Venerdì 20 marzo ci si sposterà nella sala polifunzionale “MOG Mercato Orientale di Genova” per un dibattito incentrato sugli aspetti salienti del rapporto tra cultura e sport, con particolare risalto al fattore educativo. Interverranno persoaggi illustri quali Franco verdona (già insegnante al liceo classico D’Oria), Mauro Casaleggio (specialista in medicina dello sport), Luca Spigno (medico chirurgo specializzato in scienza dell’alimentazione), Maurizio Felugo (presidente dela pro Recco e campone olimpico nella pallanuoto), Graziano Cesari (ex arbitro inernazionale di calcio e opinionista Televisivo) e ClauDio Mangini (esperto di nuoto e pallanuoto del Secolo XIX). PArticolarmente gradita la partecipazone dell’82enne Eraldo Pizzo, leggenda vivente della waterpolo.

Per finire, domenica 19 aprile nella sede del club andrà in onda la vera e propria festa di compleanno, i cui contorni sono ancora a definire, ma sono già sicuri la celebrazione di una messa di suffragio (ambientata nel piazzale sturlino intitolato a Lina Volonghi, grandissima attrice e nuotatrice biancoverde) e l’alzabandiera. In serata, un indimenticabile happening sulla spiaggia e uno spettacolo pirotecnico. Non potranno ovviamente mancare i campioni che nel corso degli anni hanno dato lustro alla Sportiva Sturla.

Durante la fesa di presentazione il presidente Giorgio Conte ha rimarcato tutto l’orgoglio per i successi, vicini e lontani, del club e lanciato una sorta di appello ad autorità e privati ancinché contribuiscano a ricostruire la piscina piccola della Sportiva, distrutta totalmente dalla mareggiata dello scorso ottobre. L’impianto maggiore è stato praticamente riattivato, pur con ingenti sforzi, ma tuttora mancano le risorse economiche per il secondo, che rappresenta il vero proprio “polmone” di un sodalizio condannato a vivere soprattutto grazie ai corsi di nuoto e pallanuoto.

                                           PIERLUIGI GAMBINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.